Cravatte da cerimonia, come abbinarle al vestito da sposo

Per il giorno più importante della vita, mentre la sposa valuta il velo o l’acconciatura, tu fai una selezione tra varie cravatte da cerimonia. Lo sposo deve scegliere con cura e attenzione la cravatta ideale da abbinare al vestito. L’accessorio, il dettaglio deve ‘sposarsi’ alla perfezione con l’abito da cerimonia. Con l’aiuto del Cravattificio Lamberto Conti, azienda italiana specializzata nella manifattura di accessori da cerimonia, nella produzione di cravatte personalizzate e accessori moda come sciarpe e foulard,

La scelta del modello di cravatta più adatto dipende da una serie di fattori: classe dello sposo, fisico, abito a cui abbinarla, armonia del look.

Se hai un fisico robusto, prediligi una cravatta classica evitando assolutamente le cravatte strette in alto e larghe in basso. Non scegliere una cravatta più larga di 8 cm.

Se, al contrario, sei alto e filiforme, punta sul modello slim (fina e lunga) per ottenere un equilibrio perfetto con il tuo corpo.

Il papillon, seppure sia passato di moda, è per appassionati romantici, adatto a qualsiasi corporatura ed altezza.

Cravatte da cerimonia: dimensione adatta all’abito da sposo

La dimensione della cravatta è tra i fattori più importanti da valutare.

Le dimensioni classiche prevedono una larghezza massima di 8 cm per evitare gli eccessi. In termini di lunghezza, non deve mai sporgere oltre la cintura; è, quindi, da adeguare all’altezza.

Negli ultimi anni, soprattutto i più giovani prediligono la cravatta più stretta di quella classica. E’ indicata per matrimoni casual, urban o rurali, piuttosto che per nozze tradizionali o, addirittura, principesche.

Se hai scelto un tight, puoi osare di più e indossare un plastron. E’ un modello di cravatta abbastanza ampio da annodare al collo o fermare con una spilla elegante.

Il papillon è impegnativo, estremamente elegante, da indossare con disinvoltura e da abbinare preferibilmente ad un vestito scuro, dal taglio rigoroso.

Cravatta da cerimonia cravattificio Conti
Cravatta da cerimonia – foto lambertoconti.it

Cravatte da matrimonio: quale colore scegliere

La regola principale, per andare sul sicuro, è abbinare una cravatta scura ad un abito chiaro o viceversa.

Ti facciamo un paio di esempi: una cravatta blu notte è adatta ad un completo color indaco delicato, mentre se sei eccentrico puoi abbinare una cravatta gialla ad un completo bordeaux o grigio scuro. Il colore chiaro della cravatta, al di là del carattere eccentrico dello sposo, è adatto per matrimoni estivi o primaverili.

L’eccezione alla regola è lo smoking: in questo caso, al completo nero va abbinato un cravattino nero.

Realizzazione di una cravatta fatta a mano - foto: lambertoconti.it
Realizzazione di una cravatta fatta a mano – foto: lambertoconti.it

I tipi di nodo per le cravatte da cerimonia

Indubbiamente, esistono più varietà di nodi rispetto ai modelli veri e propri di cravatta da cerimonia e da matrimonio.

Ti diamo un consiglio: se vuoi risultare uno sposo davvero elegante realizza un nodo stretto e vicino al collo, indipendentemente dal tipo di nodo che sceglierai.

Possiamo consigliarti i nodi più utilizzati per l’occasione:

  • semplice (four-in-hand) in 4 passaggi, il più diffuso;
  • Onassis, realizzato con l’ausilio di una pinzetta (altrimenti rimane sciolto) per un effetto finale di classe. E’ il tipo di nodo che sciupa meno la cravatta rispetto ad altri;
  • all’italiana, la cui particolarità sta nel fatto che non risulta centrato;
  • Windsor, il più complesso, in 8 passaggi. Esiste una variante più semplice chiamata mezzo-Windsor in 6 passaggi;
  • Atlantico adatto ad un look vintage, ricalca uno stile vintage anni Venti-Trenta.

Guarda questo video tutorial su come fare i principali 4 nodi alla cravatta:

Cravatte da cerimonia: tipo di tessuto

Il tessuto d’elezione per la cravatta è la seta pregiata.

Può essere lavorata con la macchina liba, a mano o con la macchina da cucire. Quest’ultimo metodo rende la cravatta più rigida da annodare.

Sappi che la qualità della cravatta (e la sua docilità nel realizzare il nodo) dipende da come viene cucito il sostegno.

Il sostegno può essere realizzato in cotone o lana in base al peso e alla raffinatezza del materiale esterno. Un sostegno più largo rispetto al materiale esterno può causare pieghe, un sostegno più stretto rischia di scivolare via da tutte le parti.

Redazione primapagina.mo.it

Redazione primapagina.mo.it

Modena in Prima Pagina è il nuovo portale che parla della città, della sua cultura, dei suoi protagonisti e delle sue aziende. Un sito web tematico per far conoscere il nostro territorio, da visitare e da gustare. Modena in Prima pagina mette in vetrina le eccellenze della città.